Xagena Mappa
Medical Meeting
Neurobase.it
Xagena Salute

Azitromicina: alto tasso di inefficacia nell’infezione da Mycoplasma genitalium


L’Azitromicina ( Zithromax, Zitromax ) ha mostrato un alto tasso di fallimento tra i pazienti con infezione da Mycoplasma genitalium con resistenza pretrattamento ai macrolidi.

Sono stati valutati 155 pazienti adulti trattati per l'infezione da Mycoplasma genitalium nel periodo 2012-2013 al Melbourne Sexual Health Centre di Victoria, in Australia.

La diagnosi è stata effettuata tramite PCR quantitativa.

Tutti i pazienti sono stati istruiti a rinunciare all’attività sessuale per 14 giorni e a tornare per la ripetizione del test 14-28 giorni dopo la terapia.

I casi in cui l’antibiotico Azitromicina ha fallito sono stati trattati con il fluorochinolone Moxifloxacina ( Avalox ); e in caso di secondo fallimento, sono stati assegnati a Pristinamicina.

L’analisi di Melt ad alta risoluzione è stata utilizzata per testare i campioni prima e dopo il trattamento per la mutazione che conferisce resistenza ai macrolidi ( MRM ).
I casi che non hanno risposto alla Moxifloxacina sono stati testati per mutazioni di resistenza ai fluorochinoloni.

I ricercatori hanno definito l’efficacia dell’Azitromicina come un test di valutazione della cura ( TOC ) negativo 28 giorni dopo l’assunzione di 1 g di Azitromicina.
Il fallimento è stato definito come una TOC positiva al 28° giorno senza alcun rischio di reinfezione ( Moxifloxacina somministrata al giorno 28 ), oppure sintomi persistenti prima del giorno 28, senza alcun rischio di reinfezione ( Moxifloxacina somministrata prima del giorno 28 ).

I dati hanno indicato che il 61% dei pazienti ha risposto alla Azitromicina

Mutazione pretrattamento conferente resistenza ai macrolidi è stata identificata nel 36% dei pazienti ed era fortemente correlata con il fallimento del trattamento ( 87%; odds ratio aggiustato, aOR= 47 ).

In 11 la mutazione di resistenza ai macrolidi è stata identificata solo nei campioni post-trattamento; questi pazienti non hanno risposto all’Azitromicina.

Dei 60 partecipanti che hanno fallito Azitromicina, l’88% presentava PCR negativa al giorno 28 dopo Moxifloxacina, e il 12% è rimasto PCR positivo senza rischio di reinfezione.
In 6 casi, i campioni sequenziati per la resistenza ai chinoloni presentavano mutazioni pretrattamento nei geni gyrA e Parc.
Sei dei sette casi che sono andati incontro a fallimento con Moxifloxacina sono stati trattati con Pristinamicina; tutti erano PCR negativi 28 giorni dopo l'inizio.

Questi dati forniscono ulteriori prove che la resistenza ai macrolidi è ormai molto diffusa nel Mycoplasma genitalium, e l’Azitromicina al dosaggio di 1 g sta diventando inefficace. ( Xagena2015 )

Fonte: Clinical Infectious Diseases, 2015

Uro2015 Inf2015 Farma2105


Indietro