Xagena Mappa
Medical Meeting
Ematobase.it
Mediexplorer.it

Terapia sperimentale di Abbvie: tasso SVR12 del 99% con o senza Ribavirina nei pazienti con infezione cronica da epatite C genotipo 1b


I primi dettagliati risultati dello studio di fase III, PEARL-III, sono stati presentati nell'ambito della 21.a Conferenza CROI ( Conference on Retroviruses and Opportunistic Infections ).
PEARL-III ha valutato l'efficacia e la sicurezza dopo 12 settimane della terapia sperimentale di AbbVie con o senza Ribavirina in pazienti adulti non-cirrotici, con infezione cronica da virus dell’epatite C ( HCV ), genotipo 1b ( GT1b ), nuovi al trattamento ( naive ).

Lo studio PEARL-III ha raggiunto gli endpoint primari e secondari. Nello studio, i tassi di risposta virologica sostenuta a 12 settimane post-trattamento ( SVR12 ) sono stati pari a 99.5 e 99.0% con il regime terapeutico di AbbVie, rispettivamente, con e senza Ribavirina.
Non ci sono stati casi di sospensione del trattamento a causa di eventi avversi.

I tassi di risposta nei pazienti con determinate caratteristiche ( sesso maschile, razza nera e genotipi IL28B non-CC ) sono stati esaminati, in quanto queste popolazioni di pazienti erano state associate a una diminuita risposta al trattamento.
Alti tassi di risposta sono stati osservati in tutti i pazienti dello studio, compresi quelli con queste caratteristiche.

Nello studio PEARL-III, la popolazione consisteva di 419 pazienti GT1b, naive al trattamento, con nessuna evidenza di cirrosi epatica: 209 pazienti sono stati randomizzati al regime senza Ribavirina per 12 settimane, e 210 pazienti alla terapia con Ribavirina per 12 settimane.

Dopo 12 settimane di trattamento, il 99% di coloro che avevano ricevuto il regime senza Ribavirina ( n=207/209 ) e il 99.5% di quelli trattati con aggiunta di Ribavirina al regime ( n=209/210 ) hanno raggiunto una risposta SVR12.
Sono stati arruolati nello studio pazienti con diverse caratteristiche, tra cui genere, razza ( nera versus non-nera ), etnia, età, area geografica, indice di massa corporea ( BMI ), stadio di fibrosi epatica, genotipo IL28B e carico virale.

Tra i bracci di trattamento nello studio PEARL-III, non sono state riscontrate recidive documentate entro 12 settimane post-trattamento.
Non si è verificato alcun fallimento virologico durante il trattamento nel braccio di trattamento senza Ribavirina, mentre un solo fallimento virologico è stato osservato nel braccio di trattamento con Ribavirina.

Tutti i pazienti nello studio hanno completato la terapia; due pazienti nel braccio senza Ribavirina sono stati persi durante il periodo di follow-up e quindi sono stati considerati insuccessi terapeutici.

Gli eventi avversi più comunemente riportati ( superiori al 10% per ciascun braccio ) sono stati: cefalea, stanchezza, prurito, nausea e astenia, con prurito e nausea che si sono presentati con una frequenza statisticamente maggiore nel braccio di trattamento con Ribavirina rispetto al braccio senza Ribavirina.
L’anemia si è verificata più frequentemente tra i pazienti nel braccio Ribavirina, e l’anemia clinicamente significativa che ha richiesto una riduzione della dose di Ribavirina si è presentata nel 9% di questi pazienti.

Il regime sperimentale AbbVie consiste della combinazione a dose fissa di ABT-450 / Ritonavir ( 150/100mg ) co-formulata con ABT-267 ( Ombitasvir ) ( 25mg ), somministrato una volta al giorno, e ABT-333 ( Dasabuvir ) ( 250mg ) con o senza Ribavirina ( dosaggio in base al peso corporeo ), somministrato due volte al giorno.
La combinazione di tre differenti meccanismi d'azione interrompe il processo di replicazione del virus HCV. ( Xagena2014 )

Fonte: Abbvie, 2014

Inf2014 Gastro2014 Farma2014


Indietro